Metti un piccolo comune dell’agro nolano, un venerdì sera con l’ora solare… Ti viene quasi voglia di rinunciarci. E invece qualcuno ti dice di andarci. E così, in questo buio venerdì, ti ritrovi coinvolto in una vera e propria Lectio Magistralis sull’affettività tenuta da Fra Massimo Squitieri che, con il suo parlare in modo semplice e diretto, ti apre gli occhi su uno degli argomenti più difficili e interessanti della nostra vita relazionale. Con Fra Massimo, infatti, abbiamo parlato di sessualità, di conoscenza e dialogo nella coppia, e naturalmente siamo giunti a discutere di tutte le indicazioni che la nostra Madre Chiesa ci dà per far sì che la vita di coppia diventi un vero cammino di santità. E in questo accenno al magistero della Chiesa, abbiamo finalmente affrontato tutti quei tabù che noi giovani tanto spesso temiamo (la convivenza, le situazioni irregolari…), perché semplicemente ne sappiamo poco o non siamo più abituati a chiedere. Ma il tabù, com’è noto, non è mai portatore di cose positive, e non parlare di questi argomenti a volte induce a pensare anche noi, che viviamo un cammino di fede, che la Chiesa non ci ami e quasi ci imponga determinati comportamenti. E invece abbiamo scoperto che basta parlarne, mettere fuori i dubbi, per tornare a casa con una importante certezza: la Chiesa di cui siamo figli e di cui è stato portavoce Fra Massimo, come madre amorevole ci rende liberi di amare e ci guida alla santità. E la santità è certamente per tutti. Nessuno escluso.

Sara
fraternità di Portici- S. Antonio